SEGUICI SU FACEBOOKSEGUICI SU TWITTERSEGUICI SU YOUTUBESEGUICI SU INSTAGRAM
Accedi all'area privata o registrati
Piattaforma gratuita di Annunci per l'economia circolare ­ Riusalo.it
RICERCA OGGETTI
Parola chiave


Categoria


Provincia


Naviga gli oggetti per categorie


area INFO ultime dal blog
Dove lo butto: alcuni esempi e curiosità sui rifiuti indifferenziati
Cartone della pizza, spazzolini da denti, capsule, ecc. ecco dove vanno gettati

Economia circolare, i centri di riuso: cosa sono e perché sono importanti
Allungare la vita degli oggetti per salvaguardare l’ambiente

Dove lo butto: lo scontrino va gettato nella carta?
Carta o indifferenziato: ecco dove vanno gettati gli scontrini



area RAEE
info e mappa

RAEE Info e Mappa
:: Succ >>

Dove lo butto: lo scontrino va gettato nella carta?

Carta o indifferenziato: ecco dove vanno gettati gli scontrini




Con l’avvento della raccolta differenziata, ormai presente in quasi tutti i comuni d’Italia, spesso sorgono dei dubbi amletici sul corretto contenitore in cui gettare alcuni rifiuti. Tra quelli che più di tutti scatena i dubbi di noi cittadini, ci sono gli scontrini.

Per gli esercenti è obbligatorio emettere scontrini, per noi un dovere gettarli nel giusto contenitore. Erroneamente si potrebbe pensare che lo scontrino vada gettato nella carta; e invece no! Gli scontrini sono da considerarsi rifiuti indifferenziati. Ecco perché.

Lo scontrino, così come le ricevute del bancomat e del Pos, non sono fatti solo di cellulosa come la carta comune. Le ricevute fiscali sono realizzate in un materiale speciale chiamato carta termica. Nella carta termica l’inchiostro è già all’interno della carta. In questo modo può comparire quando essa viene sollecitata e dura nel tempo; requisito fondamentale per farli valere come garanzia.

Il materiale con cui è fatto uno scontrino da un lato è lucido ed è ricoperto da un colorante e un reattivo. Inoltre, la maggior parte di essi è rivestita da bisfenolo A, una sostanza plastica potenzialmente tossica. Il BPA può infatti provocare nell’organismo delle reazioni simili a quelle degli estrogeni, aumentando i fattori di rischio del cancro, del diabete di tipo 2 e di diverse altre malattie.

Per capire se abbiamo a che fare con questa carta termica, basta scaldarla (ma senza bruciarla per non rilasciare emissioni nocive all’aria): se annerisce è carta termica. La maggior parte degli scontrini sono di questo tipo. Con il tempo questa emulsione colorata sbiadisce e cambia colore, reagendo alle fonti di calore.

Proprio per questo motivo, gli scontrini fiscali non possono essere riciclati insieme agli altri rifiuti di carta, ma vanno conferiti nel bidone del secco indifferenziato. Possiamo quindi concludere che esistono due tipologie di carte:

  • Le carte chimiche (poco utilizzate per gli scontrini): esempio la vecchia carta carbone e quelle attualmente caricate con capsule contenenti inchiostri, hanno un comportamento simile alla carta termica e difficilmente possono essere considerate riciclabili; andranno gettate nell’indifferenziato.
  • La carta normale: fatture, ricevute o scontrini stampati con una stampante normale vanno ovviamente nella raccolta della carta.

 

03/07/2019



:: Succ >>
Portale italiano per il riuso dei rifiuti ingombranti
La prima piattaforma italiana per la prenotazione del ritiro dei rifiuti ingombranti e per la promozione del riuso.
bottom non solo
bottom privacy
bottom comuni
Asinco srl - PIVA:06294640823