SEGUICI SU FACEBOOKSEGUICI SU TWITTERSEGUICI SU YOUTUBESEGUICI SU INSTAGRAM
Accedi all'area privata o registrati
Piattaforma gratuita di Annunci per l'economia circolare ­ Riusalo.it
RICERCA OGGETTI
Parola chiave


Categoria


Provincia


Naviga gli oggetti per categorie


area INFO ultime dal blog
Messico, un albero artificiale per ridurre l’inquinamento
Si chiama BioUrban ed è stato lanciato nel 2016 da una startup messicana

Pontedera, un gol contro l’inquinamento!
A Pontedera il primo stadio al mondo con sedili in plastica riciclata

Ecoeventi: a novembre l’11a edizione della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti
L’evento si terrà dal 16 al 24 novembre; tema di quest’anno è: “Educare alla riduzione dei rifiuti”



area RAEE
info e mappa

RAEE Info e Mappa

Messico, un albero artificiale per ridurre l’inquinamento

Si chiama BioUrban ed è stato lanciato nel 2016 da una startup messicana





A metà strada tra un grattacielo e un’istallazione futurista: è BioUrban, un albero artificiale che purifica l’aria assorbendo l’anidride carbonica e restituendo ossigeno. È questa l’invenzione lanciata nel mercato dalla startup messicana BiomiTech, azienda impegnata nel campo dello sviluppo di tecnologie per la salvaguardia dell’ambiente, che ha realizzato questa struttura in acciaio che ricorda un albero.

BioUrban è stato lanciato nel mercato nel 2016, ha un'altezza di 4 metri e un diametro di 2,75, con un tronco in acciaio che irradia fasce crescenti di metallo concentrico. Al suo interno sono poi collocati quattro cilindri contenenti microalghe, quest’ultime hanno la capacità di riprodurre la fotosintesi clorofilliana purificando l’aria.

Ogni albero pesa circa una tonnellata e pulisce tutta l'aria di un ettaro di foresta, l'equivalente di ciò che 2.890 persone respirano in un giorno; svolgendo praticamente il lavoro di ben 368 alberi.

Questa tecnologia è un sistema modulare che può essere utilizzato in diversi spazi sia interni che esterni. Ha un design anti-vandalismo che lo rende ideale per il settore urbano; inoltre può fungere anche da ripetitore Wi-Fi ed è alimentato da pannelli solari.

La BiomiTech specifica che il BioUrban non è nato per sostituire gli alberi ma per integrarli in contesti cittadini dove non c’è spazio per la piantumazione. Il sistema di purificazione dell’aria riproduce il metabolismo degli alberi, catturando i composti inquinanti come monossido di carbonio, monossido di azoto, e particolati, trasformandoli in ossigeno attraverso un processo di fotosintesi, che restituisce aria pulita sia negli spazi aperti che al chiuso.

Abbiamo sempre creduto che per combattere l’inquinamento bisogna agire direttamente alla fonte – spiega Jaime Ferrer, socio fondatore di BiomiTech – BioUrban è una tecnologia disegnata per il contesto urbano e intende migliorare la qualità dell’aria per pedoni, ciclisti e utenti dei trasporti pubblici, tutte categorie che normalmente respirano aria inquinata. Il nostro è il primo sistema di pulizia dell’aria a livello mondiale e per realizzarlo abbiamo unito biologia e tecnologia”. 

Attualmente l’ostacolo principale è rappresentato dai costi: l’artificial tree ha un costo di circa 50mila dollari e deve essere installato dagli ingegneri dell’azienda in non meno di 4 ore. Finora sono stati “piantati” tre alberi: uno nella città di Puebla, nel Messico centrale (dove ha sede l’azienda), uno in Colombia, e uno a Panama. La BiomiTech ha un contratto per altri due in Turchia e progetti per installarli a Città del Messico e Monterrey, nel nord del Messico.

Portale italiano per il riuso dei rifiuti ingombranti
La prima piattaforma italiana per la prenotazione del ritiro dei rifiuti ingombranti e per la promozione del riuso.
bottom non solo
bottom privacy
bottom comuni
Asinco srl - PIVA:06294640823